CIE - Carta d'identità elettronica

Ultima modifica 14 dicembre 2021

COSA È LA C.I.E. E A COSA SERVE

La carta d'identità elettronica (CIE) è il documento personale che attesta l'identità dei cittadini e delle cittadine e ha sostituito la carta d'identità cartacea, che resta valida fino alla data di scadenza indicata sul documento. Al primo rinnovo verrà invece emessa la CIE che deve essere richiesta prenotando un appuntamento con l'Ufficio Anagfare telefonando al numero 0125/58103 (interno 1) o inviando una mail all'indirizzo anagrafe@comune.lessolo.to.it.

Il nuovo documento d’identità ha le dimensioni di una carta di credito e contiene la foto, i dati del cittadino e le sue impronte digitali ed è emessa con elementi di sicurezza tali da evitarne la contraffazione. È dotata di un microprocessore che memorizza le informazioni necessarie alla verifica dell’identità del titolare, compresi elementi biometrici come le impronte digitali.

Sul retro della Carta è presente il Codice Fiscale.

Oltre all’impiego ai fini dell’identificazione, la nuova Carta di identità elettronica può essere utilizzata per richiedere una identità digitale sul sistema SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Tale identità, utilizzata assieme alla CIE, garantisce l’accesso ai servizi erogati dalle Pubbliche Amministrazioni.

COME SI OTTIENE

Il processo di emissione della CIE è leggermente diverso rispetto al precedente rilascio cartaceo, in quanto gli ufficiali di Anagrafe istruiscono la pratica di richiesta di rilascio, ma l’emissione è gestita direttamente dal Ministero dell’Interno.

Al momento della compilazione della domanda, sarà richiesto al cittadino dove vuole che gli venga recapitata la CIE e la spedizione verrà effettuata direttamente da parte dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta, presso l’indirizzo indicato dal cittadino. Potrà ritirarla anche una persona delegata, ma solo se ne è stato indicato il nome al momento della richiesta in Comune.

CARTA DI IDENTITÀ CARTACEA IN CORSO DI VALIDITÀ

Le carte di identità in formato cartaceo, rilasciate fino all'emissione della nuova CIE, mantengono la validità fino alla scadenza e non possono essere sostituite, salvo i casi espressamente previsti dalla normativa (smarrimento, furto o deterioramento). La carta di identità elettronica infatti può essere rilasciata a partire da 180 giorni prima della scadenza.

Per favorile l'accesso ai srvizi in rete della Pubblica Amministrazione da parte dei cittadini mediante l'utilizzo della CIE, il D.L. 16 luglio 2020. n. 76 ha modificato l'art. 36 comma 7 del D.P.R. 445/2000, introducendo la possibilità di rinnovare le carte d'identità cartacee e quelle elettroniche (versione 2007), anche prima del 180 giorno precedente la scadenza.

Il cambio di residenza NON è motivo per rinnovare la carta.

VALIDITA'

La validità della carta cambia a seconda dell'età del titolare e si estende, rispetto alla scadenza sotto indicate, fino al giorno e mese di nascita del titolare:

  • 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
  • 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
  • 10 anni per i maggiorenni.

La CIE scade sempre il giorno del proprio compleanno.

COSA SERVE PER IL RILASCIO

È molto importante che il cittadino, previo appuntamento, si presenti allo sportello munito di:

  1. UNA fototessera con dimensioni di 35 mm x 45 mm con volto centrato e ben visibile, viso non inclinato, espressione neutra, senza ombre, recente (non più di 6 mesi), sfondo uniforme (celeste, beige, marrone chiaro, grigio chiaro, bianco) o, in alternativa, la fotografia può essere consegnata tramite supporto digitale USB purché, oltre alle predette caratteristiche, abbia una definizione immagine di almeno 400 dpi, una dimensione massima del file di 500Kb e il formato del file sia .jpg. Per ulteriori informazioni, si può consultare l’indirizzo internet: https://www.cartaidentita.interno.gov.it/cittadini/modalita-di-acquisizione-delle-foto/ 
  1. la tessera sanitaria o codice fiscale; serve l’originale per acquisirne rapidamente i dati senza errori;
  2. la carta d’identità precedente scaduta o deteriorata o la denuncia di furto/smarrimento;
  3. il permesso di soggiorno e passaporto (o altro documento di riconoscimento) per i cittadini extracomunitari residenti;
  4. nel caso di emissione della CIE per un minore di anni 18 per la quale si voglia la validità per l’estero, si richiede la presenza di entrambi i genitori contemporaneamente; in caso di impossibilità di uno dei due, è necessaria una dichiarazione che attesti la non contrarietà all’espatrio. È necessaria anche la presenza del minore che, tuttavia, firmerà e rilascerà le impronte digitali solo se ha già compiuto 12 anni.

È opportuno che il cittadino sappia che sarà richiesto il consenso o il diniego alla donazione degli organi e che dovrà rilasciare le proprie impronte digitali.

Nel caso di impossibilità del cittadino a presentarsi allo sportello del Comune a causa di malattia grave o altre motivazioni (reclusione, appartenenza ad ordini di clausura, ecc.), un suo delegato (ad es. un familiare) deve recarsi presso il Comune con la documentazione attestante l’impossibilità a presentarsi presso lo sportello. Il delegato dovrà fornire la carta di identità del titolare o altro suo documento di riconoscimento, la sua foto e il luogo dove spedire la CIE. Effettuato il pagamento, concorderà un appuntamento presso il domicilio del titolare, per il completamento della procedura.

VALIDITA' PER L'ESPATRIO

Il documento può essere rilasciato valido o non valido per l'espatrio.        
Per i cittadini italiani la carta d'identità è valida per l'espatrio nei Paesi dell'Unione Europea e altri Paesi con cui l'Italia ha speciali convenzioni salvo impedimenti di legge.

Per quanto riguarda i cittadini stranieri la carta d'identità è sempre rilasciata "non valida per l'espatrio", essendo valida sul solo territorio italiano.

Si invita a consultare il sito internet www.viaggiaresicuri.it, curato in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri, per controllare e verificare la validità del proprio documento, od eventuali limitazioni ad essa, rispetto a particolari Stati esteri verso i quali si deve espatriare.

Minori

Per i minori, la validità all`espatrio è subordinata alla firma da parte di entrambi i genitori della dichiarazione di assenso.

In mancanza di tale assenso occorre apposita autorizzazione del Giudice Tutelare che non deve essere stata rilasciata da più di 6 mesi.
L'eventuale dichiarazione di assenso all'espatrio predisposta in paese straniero da cittadino non italiano e successivamente legalizzata presso il Consolato italiano all'estero non deve essere stata rilasciata da più di 6 mesi.

Fino ai 14 anni, l'uso della carta d'identità ai fini dell'espatrio è subordinato alla condizione che il minore viaggi in compagnia di uno dei genitori o di chi ne fa le veci. Infatti, a tal fine, è riconosciuta la facoltà di richiedere, al momento dell'emissione della carta di identità per i minori anni 14, l'apposizione sul retro del documento, del nome dei genitori o di chi ne fa le veci. Il minore che ha già compiuto 14 anni, invece, può espatriare senza genitori o accompagnatore.   
Nel caso in cui il minore di anni 14 viaggi all'estero accompagnato da persone che non sono i genitori deve essere autorizzato dai genitori stessi attraverso un atto di assenso che deve essere preventivamente rilasciato dalla Questura. In questo caso, i genitori del minore dovranno richiedere alla Questura, tramite apposito modulo di richiesta sottoscritto da entrambi i genitori, la concessione dell'apposito nulla-osta per l'accompagnatore.     

CARTA DI IDENTITÀ SU MODELLO CARTACEO (ECCEZIONE)

Il documento di identità personale ora e la carta di identità elettronica (CIE), quindi (per disposizione ministeriale) il rilascio della "vecchia" carta di identità cartacea  è possibile solo:

  • dietro documentata esigenza/urgenza per motivi di salute, viaggio all’estero, partecipazione a concorsi o gare pubbliche;
  • per i cittadini iscritti all’Aire;
  • per le persone cui l’Agenzia delle Entrate abbia rilasciato un codice fiscale provvisorio “numerico” o i cui dati anagrafici non risultino “allineati” con l’anagrafe;
  • per motivi tecnici, quando non possa essere rilasciata la CIE.

Documentazione da presentare per il documento cartaceo (solo nei casi di eccezionalità consentiti)

  • 2 fototessere a colori di caratteristiche adeguate;
  • la precedente carta d'identità o, in mancanza di questa, un valido documento di riconoscimento o la presenza di 2 testimoni maggiorenni che dichiarino di conoscere personalmente l'interessato. 

Le foto devono essere recenti ed uguali tra di loro, con il soggetto a mezzo busto e a capo scoperto, non di profilo e con gli occhi ben visibili.

TEMPISTICA

Rilascio immediato per la carta di identità cartacea

6 giorni lavorativi per la CIE

COSTI

Il rinnovo o la prima emissione della CIE ha un costo di € 22,20

Carta d'identità cartacea  - € 5,40

Il pagamento può essere effettuato presso gli uffici tramite POS. Non si accettano i pagamenti in contanti.

Vai alla Modulistica


Collegamenti: CIE ministero  Ministero della salute - trapianti

Riferimenti Normativi:

  • Dectero legge 16 luglio 2020, n. 76 "Misure urgenti per la semplificazione e l'innovazione digitale"
  • Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze 25 maggio 2016 "Determinazione del corrispettivo a carico del richiedente la carta d’identità elettronica, ai sensi dell’art. 7-vicies quater del decreto-legge 31 gennaio 2005 n. 7", convertito, con modificazioni, dalla legge 31 marzo 2005 n. 43;
  • Decreto del Ministero dell'Interno 23 dicembre 2015 "Modalità tecniche di emissione della Carta d’identità elettronica";
  • Decreto legge 31 gennaio 2005 n. 7 convertito, con modificazioni, dalla  legge 31 marzo 2005 n. 43 "Disposizioni urgenti per l’università e la ricerca, per i beni e le attività culturali, per il completamento di grandi opere strategiche, per la mobilità dei pubblici dipendenti e per semplificare gli adempimenti relativi a imposte di bollo e tasse di concessione, nonché altre misure urgenti";
  • Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 "Codice dell’amministrazione digitale";
  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 ottobre 1999 n.437 "Regolamento recante caratteristiche e modalità per il rilascio della Carta di identità elettronica e del documento di identità elettronico";
  • Legge 21 novembre 1967, n. 1185 e successive modificazioni ed integrazioni;
  • Regio Decreto 6 maggio 1940, n. 635 (reg. esecuzione T.U.L.P.S.);
  • Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773 (T.U.L.P.S.), art. 3
Informativa-per-la-protezione-dei-dati-personali-GDPR_Ministero
Allegato formato pdf
Scarica